martedì 20 maggio 2014

Bielorussia sposta i MiG-29 a sud di Minsk

Mikoyan MiG-29BM
In Bielorussia il recente rischieramento di intercettori russi Sukhoi Su-27SM3 sulla 61^ Base Aerea di Baranavichy avrebbe prodotto un'ulteriore riassegnazione di assetti. Lo Stato Maggiore delle Forze aeree bielorusse (VVS) e delle Truppe di Difesa Aerea (PVO) ha infatti deciso di spostare i caccia designati alle missioni di pattugliamento e difesa aerea (DCA - Defensive Counter Air) sulla 50^ Base Aerea di Machulishi, sede del Comando Tattico Operativo Nord Occidentale (NWOTC),  5 km a sud di Minsk. Secondo il sito intelligence OSIMINT,  le immagini rilevate dal satellite Digital Globe mostrerebbero la presenza di almeno tre Mikoyan MiG-29 parcheggiati nell'area QRA (Quick Reaction Alert) dell'aeroporto bielorusso.

Con non più di 12 esemplari operati, il MiG-29 è l'unico caccia da superiorità aerea attualmente a disposizione delle Forze aeree bielorusse. I velivoli sono stati aggiornati tra il 2003 e il 2005 alla versione BM dalla Komsomolsk sull'Amur e dalle officine 558^ Industria Riparazioni Aerei, azienda di Stato bielorussa con sede a Baranavichy. L'upgrade, che ha riguardato i sistemi di navigazione e i display del cockpit, ha portando i caccia allo stesso livello prestazionale dei MiG-29SMT. Nel dicembre 2012 la Bielorussia ha ritirato dalla linea di volo i Sukhoi Su-27P e Su-27UBM1 in forza alla 61^ Base caccia, lasciando appunto in servizio due gruppi intercettori equipaggiati con  dodici MiG-29BM  e otto MiG-29UB.