venerdì 25 luglio 2014

Mini drone per la protezione delle truppe USA

PD-100 Black Hornet UAV
I tecnici del Centro di Ricerca, Sviluppo ed Ingegneria Militare di Natick (NSRDEC), Massachusetts, stanno programmando l'utilizzo di un nuovo sistema di copertura e sorveglianza aerea per il personale delle unità combattenti di terra.La piattaforma disegnata per questo tipo di missione è il CP-IRS (Cargo Poket Intelligence, Surveillance and Reconnaissance), un mini drone "tascabile" a decollo ed atterraggio verticale (VTOL) munito di telecamera e di sistema di guida GPS con autopilota. A differenza degli UAV fino ad ora utilizzati dalle truppe USA, il CP-IRS non viene impiegato per l'invio delle informazioni al centro di comando, ma è a disposizione dei soldati impegnati sul terreno; in questo modo, ogni singolo militare o unità coinvolta nell'azione è in grado di gestire in tempo reale le informazioni relative all'ambiente in cui opera.  

Tra i vari prodotti attualmente in commercio, il sistema che i tecnici NSRDEC hanno deciso utilizzare per il CP-IRS è il micro-elicottero P-100 Black Hornet, UAV realizzato dall'azienda norvegese Porx Dynamics. Il drone, collegato via  data-link ad una stazione di controllo portatile, ha un peso totale di 16 gr. e un rotore di 120 mm; spinto da un motore elettrico alimentato da una batteria ricaricabile, raggiunge una velocità massima di 10 m/s ed ha un'autonomia di 25 minuti e un raggio d'azione di 1.000 m. La stazione di controllo (206x120x24 mm), munita di antenna omnidirezionale,  ha un peso di 0,6 kg ed è composta da un display da 7" (800x480 pixel, VGA compatibile) e da un controller per la gestione del volo. Il Black Hornet può essere pilotato dall'operato o dall'autopilota via GPS, con rotta preimpostata. In ambito operativo, il PD-100 della Prox Dynamics ha fatto il suo debutto nel 2012 con le truppe britanniche nel teatro afghano.