domenica 28 settembre 2014

BZK-005, UAV realizzato dall'Università di Pechino

BZK-005
L'Università di Pechino di Aeronautica ed Astronautica (BUAA) ha realizzato uno dei più sofisticati UAV mai costruiti in Cina, il BZK-005. Il drone, già in servizio con l'Esercito popolare di liberazione (PLA), raggiungerebbe limiti paragonabili a quelli del General Atomic MQ-1 Predator: quota di servizio di 8.000 metri, range 2.400 km e un'autonomia di 40 ore. Un BZK-005 era stato intercettato l'8 settembre scorso dagli F-15 della Japan Air Self Defense Force sui cieli delle contestate isole di Senkaku/Diaoyu. Presentato nel 2006 all'Airshow di Zhuhai con un video promosso dall'Aviation Industry Corporation of China (AVIC), il BZK-005 è il prodotto della collaborazione tra i ricercatori della BUAA e i tecnici dell'azienda aeronautica Hongdu Aviation Industry Group. 

Sviluppato per essere impiegato come velivolo ISR (Intelligence, Sorveglianza e Ricognizione), il drone è equipaggiato con sensori elettro-ottici a infrarossi, radar ad apertura sintetica, sistema di comunicazione satellitare e sensori SIGINT per l'attività di raccolta di informazioni mediante l'intercettazione e analisi di segnali. Oltre che sui velivoli a controllo remoti, i ricercatori dell'Università di Pechino di Aeronautica ed Astronautica lavorano attivamente su progetti di sviluppo relativi ad aeromobili ad ala fissa e rotante, tecnologia stealth e missili, razzi e vettori che volano a regime ipersonico.