giovedì 30 ottobre 2014

Russia-Usa: export Difesa 2014

Lockheed Martin F-35 Lightning II
Secondo i dati forniti dalla Defense Security Cooperation Agency (DSCA), nei primi nove mesi del 2014 le aziende statunitensi impegnate nel settore Difesa hanno esportato armamenti e servizi legati alla tecnologia militare per US$ 31,2 miliardi; considerando gli ulteriori accordi di cooperazione esterni al programma US Foreign Military Sales (FMS), entro la fine dell'anno la cifra dovrebbe raggiungere i US$ 34.2 miliardi. La notizia, pubblicata dal sito specializzato Defense Industry Daily, precisa che il risultato è leggermente superiore a quello ottenuto nel 2013 e che rimane quindi in linea con il range di crescita stabilito dalle aziende USA nell'ultimo decennio. Ad eccezione del 2012, anno in cui l'export ha toccato il tetto dei US$ 60 miliardi, target ottenuto soprattutto grazie ai US$ 29 miliardi spesi dall'Arabia Saudita per l'acquisizione di 84 McDonnell Douglas F-15 Eagle, il settore ha registrato una percentuale di crescita costante, passando dai US$ 16 miliardi del 2006 ai US$ 30 miliardi del 2013.

Sull'altro fronte, secondo quanto diramato dal Federal Service for Military-Technical Cooperation, tra gennaio ed ottobre 2014 il settore russo della Difesa ha esportato US$ 9.8 miliardi. L'agenzia di stampa russa RIA Novosti sottolinea che, secondo le proiezioni, su base annua il dato rimanere sensibilmente al di sotto dei US$ 15.7 miliardi raggiunti nel 2013. Per gli analisti, il risultato, inferiore alle previsioni avanzate lo scorso anno dal Cremlino, risente delle sanzioni internazionali decise contro la Russia a causa del sostegno di Mosca ai ribelli filorussi dell'Ucraina orientale. Aziende russe come la Oboronprom, la United Aircraft Corporation e la Uralvagonzavod hanno, infatti, subito notevoli restrizioni e limitazioni, vedendosi negata la possibilità di ricercare capitali finanziari sia sui mercati nord americani che europei. L'Unione Europea ha inoltre vietato la vendita di qualsiasi prodotto a tutte quelle società russe ritenute parzialmente o totalmente coinvolte nella progettazione e produzione di sistemi ed attrezzature militari.