mercoledì 5 novembre 2014

Gripen svedesi per la Finlandia

Saab JAS-39F Gripen NG
Saab Defence & Security vorrebbe utilizzare il contratto da US$ 5,4 miliardi dollari con il Brasile come biglietto da visita per proporre la vendita dei suoi JAS 39E/F Gripen NG alla Finlandia. Helsinki, che per decidere ha comunque tempo fino al 2019, avrebbe infatti abbandonato l'idea di aggiornare la flotta McDonnell Douglas F /A-18C/D Hornet in forza alla Finnish Air Force (FiAF) e sarebbe pronta a lanciare un piano decennale per l'acquisizione di un nuovo caccia. La scelta starebbe maturando anche grazie alle prospettive di compatibilità del multiruolo svedese con i mezzi in dotazione alla NATO, aspettativa che in qualche modo è stata rafforzata durante gli ultimi colloqui bilaterali transfrontalieri per la cooperazione. 

Le incursioni dei velivoli militari russi sui cieli della Scandinavia, la crisi russo-ucraina e le pressioni del Cremlino su tutta la regione baltica preoccupano sia Oslo che Helsinki: come Stati non allineati, Svezia e Finlandia stanno discutendo la possibilità di istituire una unità combattente congiunta e di condividere i costi e le responsabilità relative al pattugliamento di un unico spazio aereo, questo in cooperazione con altri gli Stati nordici (Norvegia e Danimarca) e con gli Stati Uniti, la NATO e l'Unione Europea. Per quanto riguarda il JAS 39, Saab ha in agenda ordini per circa 70 velivoli, 36 dei quali riservati al Brasile: il contratto sottoscritto  il 27 ottobre scorso con COMAER dovrebbe essere onorato entro il 2024, mentre per quanto riguarda i caccia destinati alle Forze aeree svedesi il termine della consegna è previsto per il 2026. Ad una riunione di investitori, il CEO di Saab Defence & Security, Håkan Buskhe, ha inoltre annunciato che secondo i piani il gruppo dovrebbero vendere entro il 2034 almeno 400 Gripen, dato che rimane invariato anche tenendo conto del contratto con il Brasile e del mancato affare con la Svizzera. Per Saab diventa quindi fondamentale acquisire nuovi partner e in questa ottica diventano importanti contratti come quelli con la Finlandia che per il piano di sostituzione degli F/A-18 con una flotta di 64 caccia multiruolo di quarta generazione e mezzo sarebbe pronta a mettere sul tavolo qualche cosa come US$ 8 miliardi. (IT log defence)