mercoledì 26 novembre 2014

Nuovo radar a scansione elettronica sviluppato da Finmeccanica

Captor-E
Finmeccanica ha recentemente firmato con il consorzio europeo Eurofighter GmbH e con l’agenzia intergovernativa NETMA (Nato Eurofighter and Tornado Management Agency) un contratto per lo sviluppo del radar a scansione elettronica Captor-E destinato ad equipaggiare il velivolo. L'apparato presenta molteplici vantaggi operativi rispetto ai radar a scansione meccanica, inclusa una maggiore visibilità dello spazio aereo e una migliore capacità di scoperta del bersaglio, con funzionalità aria-terra avanzate e misure di protezione elettronica ottimizzate. Capofila per lo sviluppo del nuovo apparato sarà la controllata Selex ES che, insieme ad Alenia Aermacchi, parteciperà alle attività di sviluppo, produzione e integrazione del radar. Più del 60% dell’elettronica di bordo dell’Eurofighter Typhoon e di competenza delle aziende del Gruppo Finmeccanica; le controllate del primo gruppo industriale italiano sono inoltre responsabili per il 20% delle aerostrutture del caccia europeo e di significative attività di addestramento e simulazione, sia per le quattro nazioni partner (Regno Unito, Italia, Germania e Spagna) che per l'export. Per Finmeccanica il contratto, sottoscritto con Eurofighter GmbH e NETMA per totali 1.000 milioni di Euro, ha un valore di oltre 400 milioni. (IT log defence) Foto David McIntosh-AINonline