martedì 2 dicembre 2014

Russia inaugura nuovo Centro di Difesa Nazionale

Lunedì scorso, a Mosca, il ministro della Difesa russo, Sergey Shoygu, ha ufficialmente inaugurato il nuovo Centro Nazionale per la Gestione della Difesa (NTsUO - Национальный центр управления обороной); la notizia, pubblicata dall'agenzia di stampa RIA Novosti, precisa che la struttura è stata dichiarata pienamente operativa dopo otto mesi di sperimentazione, dal 1° aprile al 1° dicembre, periodo durante il quale sono state provate tutte le procedure previste dagli standard militari definiti dal Ministero della Difesa russo. Oltre al NTsUO sono stati dichiari operativi i centri di comando e controllo regionali e territoriali delle Forze armate, strutture dotate di sofisticati sistemi informatici e di comunicazione all'interno delle quali operano più di 500 tra tecnici e specialisti. 

Voluto da Putin, il NTsUO rappresenta il centro nevralgico del sistema di difesa russo, un'organizzazione complessa che oltre al Ministero della Difesa, al Ministero degli Interni e allo Stato Maggiore delle Forze Armate, riunisce diversi organismi di interesse nazionale ( unità di crisi, aziende legate alla produzione di armamenti, colossi dell'energia e delle infrastrutture....). La struttura, costruita nell'arco di 11 mesi sulle sponde della Moscova, all'interno del Quartier Generale delle Forze terrestri russe, sulla Frunzenskaya nab, è stata realizzata in modo da resistere a qualsiasi tipo di attacco, compreso quello nucleare. Il Centro Nazionale per la Gestione della Difesa comprende tre centri di comando e controllo, strutture che si avvalgono di piattaforme distribuite basate sul principio del Network-Centric Warfare.


Il primo centro di comando e controllo è dedicato alla gestione delle Forze nucleari strategiche ed è progettato per il controllo e l'uso delle armi nucleari secondo quanto stabilito dai vertici militari e politici della Federazione Russa; il secondo centro segue gli aspetti legati agli scenari politico-militari mondiali, prevede le eventuali minacce dirette contro la Russia e i suoi alleati e fornisce tutti i mezzi necessari al controllo sulle Forze armate, così come su tutte le truppe che non sono sotto il diretto comando del Ministero della Difesa russo. Il terzo centro mantiene invece il controllo delle attività militari giornaliere, coordina l'attuazione del "sistema di difesa nazionale" e gestisce gli impegni volti a soddisfare le esigenze delle singola Forza armate, comprese le attività connesse alla formazione del persona e ai programmi di cooperazione militare. (IT log defence) Foto: Reportage24.ru; Lenta.ru; MK95.ru