giovedì 15 gennaio 2015

In 25 al Tank Biathlon 2015

Tank Biathlon 2014
Il ministro della Difesa russo, Generale Sergei Shoigu, ha reso noto che saranno ventiquattro le Nazioni che partecipano al Tank Biathlon World Championship 2015, l'evento sportivo organizzato dal Ministero della Difesa russo che mette alla prova i carri armati e gli equipaggi di diversi Paesi in gare di abilità e velocità sui terreni accidentati del poligono di tiro di Alabino, 30 miglia ad ovest di Mosca. La notizia, pubblicata dalla rivista Russia Beyond the Headlines, precisa che durante la competizione verrà riservato uno spazio apposito per una competizione tra caccia ed elicotteri da combattimento, con prove di acrobazia ed attacchi di precisione contro obiettivi fissi e in movimento. Alla stampa, il Generale Shoigu ha inoltre dichiarato che l'invito è stato esteso alle Forze Armate di tutto il mondo e che tra i ventiquattro partecipanti saranno sicuramente presenti la Cina e i team proveniente da Paesi dell'America Latina e dall'Africa. Boicottato da tutti i Paesi occidentali e dai partner NATO, il Tank Biathlon World Championship 2014 aveva visto la partecipazione di 12 Paesi: Angola, Armenia, Bielorussia, Venezuela, India, Kazakistan, Kirghizstan, Cina, Kuwait, Mongolia, Russia e Serbia. L'Italia, che avrebbe dovuto prendere parte all'evento con un equipaggio della Brigata corazzata Ariete, ha rinunciando quindi alla sfida aderendo quindi alle sanzioni emesse dall'Unione Europea nei confronti della Russia per la crisi in Ucraina. Suddivisa in quattro fasi, la gara è stata poi vinta dal T-72 dei padroni di casa che, oltre ad una sorprendente Armenia, hanno preceduti il Kazakistan e la Cina, presente con il Type 96A. (IT log defence) Foto: RT.com