martedì 3 marzo 2015

CUES tra unità US Navy e PLAN

Hengshui FFG 572
La Littoral Combat Ship (LCS) USS Fort Worth (LCS 3) ha dichiarato il suo primo Codice per incontri non pianificati in mare (CUES); l'attività è avvenuta il 23 febbraio scorso nelle acque internazionali del Mar Cinese Meridionale con una unità da guerra della Marina dell'Esercito Popolare di Liberazione (PLAN), la Hengshui (FFG 572), fregata lanciamissili classe Type 054A Jiangkai II. La notizia, diramata dal Comando della Squadra navale della Marina Militare USA (USN) Destroyer Squadron 7 (DESRON 7) e pubblicata sul sito del Commander US Pacific Fleet, precisa che le due navi stavano conducendo attività separate di routine e che la Fort Worth, proveniente dalla base navale Changi di Singapore, faceva rotta verso nord per partecipare all'esercitazione congiunta USA-Repubblica di Corea, Foal Eagle. 

Secondo quanto riferito da DESRON 7, prima di riprendere le rispettive missioni le due unità si sono scambiate comunicazioni radio, brevi e chiare, come stabilito dalle normative CUES. La USS Fort Worth è una unità da 3.450 t di dislocamento a pieno carico, lunga 387 ft (118 m) e larga 58 ft (17.7 m). Con un gruppo propulsore composto da 2 turbine a gas Rolls Royce MT-30 (96.550 hp), 2 motori diesel Fairbanks Morse Colt-Pielstick (17.160 hp) e 4
waterjet Rolls Royce Kamewa 153SII, ha una potenza combinata diesel-turbine a gas di 113.710 hp e una velocità massima con mare forza 3 di 45 knots (83 km/h). Il range operativo, ad un velocità di 18 knots (33 km/h), è di 3.500 nmi (6.500 km); l'autonomia è di 21 giorni (504  ore). Il Fort Worth ha un armamento composto da un cannone BAE System MK 110 da 57 mm; 2 mitragliatrici calibro .50 (12.7 mm); missili superficie-aria con guida ad infrarossi RIM-116 Rolling Airframe Missiles; siluri Mark 50 con testata da 100 lb (45 kg) e due lanciatori NETFIRES per missili antinave di precisione (PAM). L'unità imbarca  il 35th Helicopter Maritime Strike Squadron (HSM-35) con un elicottero multiruolo Sikorsky MH-60R/S Seahawk e un velivolo a controllo remoto Northrop Grumman MQ-8 Fire Scout.


USS Fort Worth (LCS 3)
Sottoscritto dalle Marine militari di 21 nazioni della regione Asia-Pacifico, il codice di condotta CUES definisce tutta una serie di misure volte ad agevolare le comunicazione tra le unità degli Stati aderenti. Lo scopo è quello di ridurre i rischi dovuti a situazioni di incertezza nel corso di incontri casuali, o non previsti, nelle acque del Mar Cinese Meridionale ed Orientale. In particolare, prevede come linguaggio standard per le comunicazioni l'inglese, stabilisce le frequenze radio utilizzate tra navi ed aerei, così come un insieme di termini (secondo l’alfabeto fonetico) facilmente utilizzabile da quanti non abbiano particolare dimestichezza con l’inglese. Inoltre, sono previsti vari tipi di segnali che possono essere inviati con il lancio di razzi o altri mezzi visivi, così come azioni concernenti il comportamento degli equipaggi in mare, la simulazione di attacchi con missili o altre armi da fuoco puntate contro altre navi. (IT log defence) Foto: cpf.navy.mil, jeffhead.com