lunedì 14 settembre 2015

Nuova Zelanda seleziona arma leggera da combattimento ravvicinato

LMT CQB16
Le Forze di Difesa della Nuova Zelanda (NZDF) hanno selezionato il fucile mitragliatore LMT CQB16 5.56 mm come arma leggera in configurazione carabina e per il combattimento ravvicinato richiesta dal programma "Individual Weapon Replacement". Prodotto dall'azienda statunitense Lewis Machine & Tool Company (LMT), Illinois, il CQB16 è destinato a sostituire entro il 2017 il fucile d'assalto bullpup Steyr AUG A1 con canna rigata passo 1:7 per proiettili NATO SS109. Autorizzata nel maggio 2014 dal governo neozelandese, la gara d'appalto del Ministero della Difesa riguardava l'acquisto di 8.800 fucili da combattimento ravvicinato e dei relativi accessori e pezzi di ricambio. 

Tra i requisiti fondamentali era richiesto un mirino capace di rilevare, ingaggiare ed identificare obiettivi ad una distanza di 500 m e di garantire la consegna dei fucili in configurazione off-the-shelf. Secondo quanto pubblicato dalla rivista specializzata IHS Jane's, alla gara, chiusa il 12 novembre 2014, hanno partecipato otto aziende: Beretta Defense Technologies, Ceska Zbrojovka, Colt Canada Corp, FN Herstal, Steyr Mannlicher, SIG Sauer (rappresentata da XTEK Ltd), Heckler & Koch e LMT. Per tutto il periodo di test, che NZDF  ha condotto dal 2 marzo 2015 al 1 giugno 2015, Lewis Machine & Tool Company ha fornito ai valutatori il CQB16 nelle versioni con canna da 406 mm e 457 mm. (IT log defence) Foto: LMT