lunedì 25 gennaio 2016

Mosca adegua le Forze strategiche

Tupolev Tu-160 cockpit
La Marina Militare russa (Voyenno-morskoy Flot Rossiyskoy Federatsii - VMF Rossii) ha concluso l'aggiornamento dei sistemi d'arma dei sottomarini Alexander Nevsky (K-550) e il Vladimir Monamakh (K-551), unità di quarta generazione classe Borei (Project 955) in grado di lanciare ora missili a testata nucleare (Submarine-Launched Ballistic Missile - SLBM) Bulava (SS-NX-30/SS-N-32). La notizia, diramata ai microfoni dell'agenzia di stampa Sputnik dal Capo di Stato Maggiore dell'Esercito russo, Generale Valery Gerasimov, precisa inoltre che la scorsa settimana le Forze aeree hanno riassegnato e dichiaro operativi 10 bombardieri strategici Tupolev sui quali erano stati effettuati una serie di aggiornamenti. Grazie a quest'ultimo upgrade, VMF Rossii dispone ora di 10 sottomarini con capacità operativa SLBM, sei assegnati alla Flotta del Nord - cinque Project 667BDRM armati con 80 missili R-29RM (SS-N-23) e un Project  955 armato con 16 Bulava - e quattro in forza alla Flotta del Pacifico - due sottomarini 667BDR (Delta III) per 32 missili R-29R (SS-N-18) e 2 sottomarini Project 955 per 32 Bulava - per un totale di 160 missili e più di 700 testate nucleari "ready-to-fire". Per quanto riguarda la componente aerea, Mosca può contare invece su 66 bombardieri, 11 Tu-160 (Blackjack) e 55 Tu-95MS (Bear H), equipaggiati con circa 120 bombe a testate nucleare Kh-101 e 80 missili da crociera Kh-55 (AS-15). (IT log defence) Foto: Rostec.ru