mercoledì 6 gennaio 2016

Pyongyang conferma test bomba H

Sito sperimentale di Punggye-ri
Pyongyang ha confermato il test nucleare effettuato con successo alle 10:00 (KST) del 6 gennaio scorso nel sito sperimentale di Punggye-ri, 49 km (30 mi) a nord di Kilju, provincia nord orientale di Hamgyong. Registrata dai sismografi della Corea del  Sud, del Giappone e degli Stati Uniti, l'esplosione ha causato un'onda sismica misurata in 5,1 gradi della scala Richter. L'emittente di Stato nordcoreana KCTV (Korean Central Television) ha precisato che per il test sarebbe stata utilizzata una bomba all'idrogeno miniaturizzata, un'arma annunciata che gli analisti occidentali avevano considerato semplice propaganda e che eleva in modo preoccupante il potenziale nucleare della Repubblica Popolare Democratica di Corea. 

Immediate le reazioni in tutto il mondo. Nonostante diversi esperti ritengano che ci vorranno alcuni giorni prima di verificare l'effettivo utilizzo di un'arma a fusione termonucleare incontrollata - l’esplosione sarebbe stata troppo debole rispetto a quella provocata da una bomba all'idrogeno -, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha già chiesto l'intervento della comunità internazionale. Parlando di minaccia alla sicurezza del Giappone e di una chiara violazione delle risoluzioni Onu, Abe ha annunciato un'innalzamento dello stato di allerta e una forte azione diplomatica volta all'approvazione di nuove sanzioni contro la Corea del Nord. Dello stesso tono le dichiarazioni di molti leader occidentali e del capo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per il Trattato sul bando dei test nucleari,  Lessina Zerbo, che ha definito il test un pericolo per la pace e la sicurezza globale. Il leader supremo Kim Jong-un aveva anticipato l'avvenuta realizzazione della bomba H il 10 dicembre scorso; parlando alla nazione aveva, inoltre, dichiarato che la Corea del Nord sarebbe già in grado di usarla "per difendere l’indipendenza e la dignità della patria, contro gli Stati Uniti e gli altri nemici". Nel 2012 Pyongyang, che ha effettuato tre test con bombe atomiche a fission nel 2006, nel 2009 e nel 2013, ha messo in orbita il satellite Kwangmyŏngsŏng-3, stazione meteo lanciata con l'utilizzo del missile Unha (Galaxy). Secondo i gli esperti il missile Unha, un vettore multi-stadio a propellente liquido derivato dal missile balistico a lungo raggio  Taepodong-2, sarebbe in grado di trasportare testate nucleari ad oltre 6.000 km  (3.800 mi) di distanza, fino quindi a colpire l'Alaska e il territorio canadese dello Yukon. (IT log defence) Foto: 38north.com