domenica 11 settembre 2016

Base iraniana concessa alla Russia

Tupolev Tu-22M3
Mosca e Teheran stanno negoziando la presenza permanente di bombardieri russi sulla base aerea di Hamadan, 270 km dal confine iracheno; l'accordo sarebbe finalizzato alla ripresa delle missioni antiterrorismo in Siria, prima esperienza per questo tipo di implementazione nella storia dell'Iran moderno. Secondo quanto pubblicato dal sito d'informazione russo Sputnik, ci vorrà almeno una settimana e decine di voli prima che i velivoli da trasporto strategico Antonov An-124 COndor e Ilyushin Il-76 Candid possano consegnare ad Hamadan tutto il materiale necessario affinché la base sia in condizione di ospitare in modo permanente un numero elevato di bombardieri russi, Sukhoi Su-34 e Tupolev Tu-22M3. Sulla base starebbero già arrivando la logistica e sistemi di terra per la navigazione, gli apparati di comunicazione, tutto ciò necessario a garantire un idoneo sistema di rifornimento a terra, le procedure di controllo pre-volo e tutto quanto riguarda l'armamento da imbarcare sui bombardieri. Per quanto riguarda gli hangar, fonti russe confermano che quelli esistenti dovrebbero essere idonei e sufficienti; se così non fosse, la costruzione di una nuova struttura non dovrebbe comunque occupare più di due settimane. I primi bombardieri russi ad utilizzare la pista di Hamadan sono stati i Tupolev Tu-22M3, avvistati sull'aeroporto iraniano il 15 agosto scorso. (IT log defence) Foto: AlMasdarNews