venerdì 13 gennaio 2017

Pakistan lancia primo SLCM a medio raggio

Babur-III (Hatf VII)
Lunedì scorso il Pakistan ha effettuato un target-launch test con un Submarine-Launched Cruise Missile (SLCM) Babur-III (Hatf VII); la notizia, diffusa da numerosi organi di stampa internazionale, precisa che il missile, partito a una piattaforma sottomarina mobile posta a largo dell'Oceano Indiano, ha colpito il bersaglio con assolata precisione. Realizzato dall'agenzia governativa National Development Complex, il Babur-III è la versione marittima dei Land Attack Cruise Missile (LACM) Babur-I e Babur-II, sistemi d'arma con capacità nucleare in forza al Pakistan Army dal 2005 e dal 2016. 

Con una gittata di oltre 450 km (280 mi), è stato progettato secondo gli standard della tecnologia stealth ed è dotato di sofisticati sistemi di elusione ed anti-radar e di un sistema di propulsione subacquea controllata, oltre che di caratteristiche di navigazione avanzate che integrano il sistema di guida INS ( inertial navigation system ) con opportuni sistemi di riconoscimento del profilo orografico del terreno - Terrain Contour Matching (TERCOM) e Digital Scene-Mapping Area Correlator (DSMAC) - e di navigazione satellitare - Global Positioning System (GPS) e GLObal NAvigation Satellite System (GLONASS). Lanciabile da sottomarino Agosta 90B (Khalid), il Babur-III è spinto da un razzo a propellente solido, utilizzato durante la fase di lancio, e da un motore turboventola che garantisce una velocità di avvicinamento al target di 880 km/h (550 mph). Al test del missile, che il Pakistan considera una second-strike capability, hanno assistito il capo del Joint Chiefs of Staff Committee (CJCSC), Generale Zubair Mahmood Hayat, il direttore generale della Strategic Plans Division (SPD), Generale Mazhar Jamil, alti ufficiali del Naval Strategic Force Command (NSFC) e rappresentanti della Scientific Strategic Organizations. (IT log defence) Foto: Daily Pakistan